Visita il nostro archivio

Nessun combattente che si voglia definirsi tale può prescindere dall’allenamento dei pugni al sacco pesante. La potenza dei colpi di braccia necessaria a produrre dei rapidi fuori combattimento sul ring o sulla strada si acquisisce in massima parte grazie ad un regolare ed intenso allenamento al sacco pesante da pugilato, intendendo con questo termine un attrezzo corto e del peso variabile tra i 30 e i 40 kg. Le routines di lavoro che possono essere utilizzate sono moltissime ma, in linea generale, si distinguono gli allenamenti a seconda della finalità che l’atleta vuole perseguire: self defence, combattimento sportivo, fitness. In tal senso varierà l’intensità del lavoro, la durata degli intervalli, l’uso di varie parti della mano e del braccio per colpire, le protezioni utilizzate per l’allenamento (bende, guantini ecc.).